Vai alla Home Page Home Page
Vai alla pagina della pubblicità Pubblicità
Inserisci il logo di questo sito sulla tua home page Aggiungi logo
Elenco dei Links Links
Parlano di noi Parlano di noi
Vai alla pagina dei contatti Contatto
Risultati Coppa America Risultati
Classifica Coppa America Classifica
Classifica Coppa America Calendario
La Louis Vuitton Cup Louis Vuitton Cup
La Storia della Coppa America La Storia
I vincitori della Coppa America I Vincitori
Le finali della Coppa America Le finali dal 1851
La sfida italiana nella Coppa America La sfida italiana
I partecipanti alla Coppa America I partecipanti

La Grande Vela


Agriturismo Sicilia


Louis Vuitton Cup


Louis Vuitton Cup
Louis Vuitton Cup PER VINCERE L’AMERICA’S CUP E’ NECESSARIO PRIMA VINCERE LA LOUIS VUITTON CUP

Sin dal 1983 la Louis Vuitton Cup Challenger Selection Series si è tenuta ogni qualvolta vi sia stata più di una squadra che ambisse all’America’s Cup. Il suo ruolo è duplice: selezionare il miglior team sfidante tra quelli presenti e rappresentare la competizione più valida per le squadre sfidanti, in modo che il vincitore della serie possa contare sulla preparazione migliore possible per l’eventuale successo contro il Defender nella gara per assegnare la Coppa America.

Prima del 1983 lo sfidante non aveva mai prevalso sul Defender nei 25 tentativi occorsi dal 1870 per vincere la Coppa America. Negli ultimi 27 anni vi sono state ben sette Louis Vuitton Cup (’83, ’87, ’92, ’95, ’00, ’07) in cui il vincitore ha battuto il Defender nelle successive gare di Coppa America in quattro occasioni.

DA JOHN BERTRAND A DEAN BARKER

Nel 1983 l’australiano John Bertrand guidò Australia II, la leggendaria barca con chiglia alata, verso la vittoria nella prima regata della Louis Vuitton Cup di Newport, RI, USA. La storia racconta come, una volta in gara e con l’esperienza della Louis Vuitton Cup, Bertrand vinse la Coppa America mettendo fine alla più lunga egemonia nello sport, durata ben 132 anni.

“Nell’estate del 1983 abbiamo cambiato il corso della storia della Coppa America. La vittoria è tutt’oggi considerata uno tra gli eventi più significativi dell’Australia moderna. Ma per vincere l’America’s Cup abbiamo dovuto prima vincere la Louis Vuitton Cup. A quel tempo Louis Vuitton divenne custode della storia e delle tradizioni della Coppa America, creando un’aura di unicità intorno all’evento. Ci auguriamo continui a lungo nel tempo,” aggiunge John Bertrand – Skipper di Australia II.

La frase “Per vincere la Coppa America prima bisogna vincere la Louis Vuitton Cup” si dimostrò veritiera nuovamente nel 1987 quando Dennis Conner, lo sconfitto skipper americano del 1983, arrivò a Perth, in Australia con la sua barca, la Stars & Stripes, e vinse una dura battaglia per la Louis Vuitton Cup contro altre 12 squadre prima di gareggiare per la Coppa America e vincere contro gli australiani riportando l’America’s Cup in America.

Nel 1992 un’elegante sfidante italiana, Il Moro di Venezia, guidata dal carismatico Paul Cayard, vinse la Louis Vuitton Cup a San Diego, CA, USA gareggiando poi per la Coppa contro il Defender americano. Nel primo evento, disputato con i nuovi Classe Coppa America, la tecnologia del Defender si dimostrò superiore a quella degli italiani e la Coppa rimase al suo posto.

Nel 1995 Team New Zealand di Sir Peter Blake navigò praticamente imbattuta per quasi tutti i quattro mesi della Louis Vuitton Cup di San Diego. Dopo aver vinto la Louis Vuitton Cup, lo skipper Russell Coutts battè il Defender e riuscì a portare la Coppa in Nuova Zelanda.

L’Italia tornò alla Coppa America nel 2000 con l’affascinante e velocissima Luna Rossa. Guidata dallo skipper Francesco de Angelis la squadra vinse la Louis Vuitton Cup ad Auckland per poi però perdere il Match contro i Defender Kiwi, con la Coppa che rimase così al suo posto.

Nel 2003 gli svizzeri di Alinghi guidati dallo skipper Russell Coutts vinsero la Louis Vuitton Cup tenutasi ad Auckland e questa volta lo Sfidante ebbe la meglio sul Defender nella gara, portando per la prima volta la Coppa America in Europa.

La prima America’s Cup europea si tenne a Valencia, in Spagna nel 2007. Dopo la perdita della Coppa di quattro anni prima, Emirates Team New Zealand si dimostrò nettamente superiore tra tutti gli sfidanti e ancora una volta prevalse nella Louis Vuitton Cup. Ma alla gara per la Coppa la squadra non riuscì a concretizzare la vittoria, perdendo contro Alinghi nella finale più serrata dal 1983.

IN VISTA DEL TRENTESIMO ANNIVERSARIO NEL 2013

Le date e le location per la prima stagione delle nuove America’s Cup World Series saranno annunciate alla fine di gennaio del 2011. Gli eventi del 2012 e 2013 saranno annunciati a settembre 2011.

La prossima Louis Vuitton Cup durerà sei settimane e si svolgerà nell’estate del 2013. Significativamente questo periodo segnerà il 30° anniversario della vittoria della Louis Vuitton e dell’America’s Cup da parte di Australia II.

La prima delle due classi di barche proposte per questa nuova serie di regate sarà il catamarano AC45 con albero alare, il cui prototipo è attualmente in costruzione ad Auckland in Nuova Zelanda: ogni squadra si sfiderà nel 2011 proprio su queste barche One Design (tutte uguali).

Contemporaneamente, tutte le squadre progetteranno e costruiranno la nuova seconda classe di barche, la AC72, essenzialmente una versione più grande della 45, ma in questo caso sarà il prodotto individuale dei progettisti e costruttori di ogni singola squadra. Questa seconda classe sarà utilizzata per le stagioni del 2012 e del 2013.





L'indimenticabile Moro di Venezia, la prima barca italiana a vincere la Louis Vuitton Cup.
Foto Trimarine www.trimarine.com



ALBO D'ORO LOUIS VUITTON CUP

1983  Australia II              (Australia)
1987  Stars & Stripes           (Stati Uniti)
1988  -
1992  Il Moro di Venezia        (Italia)
1995  Black Magic               (Nuova Zelanda)
2000  Luna Rossa                (Italia)
2003  Alinghi                   (Svizzera)
2007  Emirates Team New Zealand (Nuova Zelanda)
2010  -



Todaro Network

Norme sulla privacy | Condizioni d'uso | © copyright Todaro Network